Home Cultura illycaffè e A...

illycaffè e Artissima rinnovano la collaborazione per Present Future

Cally Spooner, vincitrice lo scorso anno del premio

TORINO – Artissima e illycaffè rinnovano per il diciottesimo anno la collaborazione per Present Future, la sezione della fiera di Artissima dedicata ai talenti emergenti.

Gli artisti sono stati selezionati da un board di curatori internazionali coordinati per il secondo anno da Cloé Perrone.

Per celebrare l’impegno nel sostenere i giovani talenti e per raccontare i diciotto anni del premio, sarà presentato un video realizzato ad hoc da Artissima e illycaffè.

WEGA
MAZZER

Gli artisti in gara

Nel 2018 Present Future presenta infatti i lavori di 18 artisti rappresentati da 19 gallerie (14 straniere, 5 italiane), tra progetti inediti realizzati appositamente per la fiera oppure opere alla loro prima esposizione in contesto europeo e italiano. Tutti selezionati dal board coordinato da Cloé Perrone, curatrice indipendente che vive tra Roma e New York. Board composto da Myriam Ben Salah, curatrice indipendente e scrittrice di Parigi e Juan Canela, curatore indipendente e scrittore di Barcellona.

Venerdì 2 novembre nello spazio di illy in fiera, uno degli artisti della sezione con il progetto considerato più innovativo riceverà il Premio illy Present Future da una giuria internazionale composta da Lorenzo Benedetti, direttore della Kunst Halle Sankt Gallen di St. Gallen, Carolyn Christov-Bakargiev, direttrice del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea di Torino, e da Kirsty Ogg, direttrice di New Contemporaries di Londra.

Dal 2012 il riconoscimento offre al vincitore l’eccezionale opportunità di allestire una mostra negli spazi del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.

La vincitrice dello scorso anno

Nel 2017 il premio è stato assegnato all’artista Cally Spooner, presentata dalle gallerie GB Agency di Parigi e Zero…di Milano con l’opera Soundtrack for a Troubled Time (2017). In occasione di Artissima e fine al 6 gennaio 2019, l’artista presenterà Everything Might Spill (Tutto potrebbe rovesciarsi) nella sala progetto della Manica Lunga del museo. Il progetto è a cura di Marianna Vecellio.

“Cally Spooner – nelle parole della curatrice – esplora i modi in cui la soggettività contemporanea e il corpo umano siano oggetto di continui cambiamenti dettati dalla condizione tecnologica. Mediante installazioni, scrittura e performance, le sue opere analizzano così le influenze della violenza invisibile diffusasi nell’era digitale. Ed esaminano il concetto di erosione fisica e ontologica dell’essere vivente in un presente dominato da dati digitali. La ricerca artistica di Spooner si concentra dunque sul modo in cui “l’avanzato apparato tecno-capitalista minaccia di drenare la vita; attraverso l’ottimizzazione degli affetti, dei corpi e del linguaggio. E domanda come potremmo fonderci con questo tecno-apparato, trasformando e mobilitando affermativamente questa alienazione postumana.”

Mostre e performance

Le sue mostre e performance sono infatti ancorate a processi filosofici femministi. E incorporano fisicamente, acusticamente e concettualmente i concetti di durata, erosione, manutenzione, distruzione e collasso; come pratiche di resistenza in contrapposizione alle repentine fluttuazioni a livello globale dei mercati finanziari, al flusso inarrestabile dei dati digitali, e all’imperativa richiesta di produttività che la società capitalista impone su ciascun individuo.”

In Everything Might Spill (2018), un disegno a parete che reca l’immagine ingigantita di un organo umano è messo in relazione a una fontana dalla quale sgorga un liquido dichiaratamente tossico. L’installazione può essere interpretata come un’inquietante riflessione sulla condizione umana, soggetta a una crescente ed ossessiva dipendenza dalla tecnologia. Al punto di avviarsi verso mutazioni incontrollabili e non reversibili.

I diciotto anni del Premio illy Present Future

Per celebrare il diciottesimo anno del Premio illy Present Future, Artissima e illycaffè hanno realizzato un video che ne racconta le tappe attraverso gli artisti premiati dal 2001 al 2017.

Una narrazione per immagini e citazioni, dinamica e coinvolgente. Ai momenti più significativi di ogni singolo anno nel mondo si affianca infatti un focus sui vincitori e la loro opera. Mettendo in luce la lungimiranza e il coraggio del premio e dei suoi promotori.

Il video sarà visionabile ad Artissima e in occasione della prossima Biennale di Venezia.

Grazie alla sensibilità di illycaffè, il Premio illy Present Future in questi diciotto anni ha offerto un importante contributo per l’affermazione di talenti emergenti.

E anche quest’anno conferma il ruolo innovatore di Artissima nel sostegno di artisti internazionali.