Home Curiosità TE’, IL...

TE’, IL VIDEO – Il sentiero più pericoloso del mondo. Morire per una tazza di tè

Vi siete mai chiesti se il paradiso esiste? E se esiste, com’è fatto? E come ci si arriva? C’è un solo paradiso? C’è un solo sentiero? È un sentiero comodo? Possono percorrerlo tutti? Ognuno, qui sulla terra, ha i suoi angoli di paradiso. Il mio sta in una tazzina di caffè. Quello di mia nonna in un bicchiere di vino. Quello dei cinesi, in una tazza di tè. Ma non in una tazza qualunque.

[embedplusvideo height=”220″ width=”380″ editlink=”http://bit.ly/1knc5WV” standard=”http://www.youtube.com/v/KlMXKrBol7I?fs=1&vq=hd720″ vars=”ytid=KlMXKrBol7I&width=380&height=220&start=&stop=&rs=w&hd=1&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep8462″ /]
Non in un posto qualunque. In una tazza di tè della sala da tè arroccata su un monte alto 2160 m e situato nella provincia di Shaanxi: il mostruoso Monte Hua Shan.

Si sa, un paradiso, per essere tale, non deve solo essere un posto meraviglioso e mozzafiato, ma deve soprattutto essere difficilmente raggiungibile. Il paradiso si misura in base all’inferno che s’attraversa prima.

Seguitemi, dunque, lungo il sentiero più terribilmente infernale e spaventoso che esiste al mondo per raggiungere e bere una tazza di tè! Che sarà mai? Penserete a prima vista. Dopotutto l’arrivo è solo un tè, mica un tesoro! Il sentiero infatti comincia con una lunghissima scalinata che segue tutte le curve e le asprezze della montagna, ripida sì ma non eccessivamente pericolosa per i più abili scalatori.

Così poco pericolosa che lungo le pareti scoscese sono state persino costruite delle case! Follia cinese! A questo suggestivo scenario ne segue un altro altrettanto incredibile, raggiungibile solo attraverso le cabine di una funivia: un breve riposo dei muscoli e dell’adrenalina, prima di affrontare il vero rischio. Una volta scesi a terra, infatti, col coraggio in tasca e un pizzico di squilibrio in testa, bisogna camminare su assi di legno inchiodate nella roccia, senza alcuna protezione se non una catena a cui potersi aggrappare, con il cielo in alto e il precipizio in basso.

Alcuni tratti mancano persino delle assi di legno: i piedi vanno inseriti in alcuni buchi scavati nella roccia (sperando che entrino) e bisogna affidarsi solo alla forza delle proprie braccia. Il panorama è già paradisiaco, se solo lo si potesse guardare con calma! La valle sottostante era un tempo abitata da monaci e pellegrini.

Essa è delimitata da 5 cime sacre, che sembrano formare i petali di un fiore (Hua shan significa appunto fiore di montagna) e su ogni vetta è stato edificato un tempio taoista. Uno di questi è stato di recente adibito a sala da tè. Circa cento anime all’anno, pur di sorseggiare questa favolosa bevanda, non tornano più a casa. E tu, quale paradiso scegli? Il tuo sentiero è così pericoloso?!

Fonte: http://www.laearn.com/blog/il-sentiero-piu-pericoloso-del-mondo-morire-per-una-tazza-di-te/