lunedì 27 Giugno 2022

Icam, ricavi 2021 a 189 milioni, +40% e ora c’è il packaging compostabile

L'azienda ha chiuso l’anno in cui ha celebrato il suo 75° anniversario con risultati positivi ed un nuovo progetto di rinnovamento con sguardo proiettato verso il futuro. Il fatturato complessivo cresce del +7%. Sono state acquistate 25.000 tonnellate di fave di cacao con sempre più rilevante quota di cacao certificato bio/FairTrade. In più ci sono state 25 nuove assunzioni per un totale di 427 dipendenti della sede italiana

Da leggere

ORSENIGO (Como) – Icam Cioccolato, azienda leader nella produzione e commercializzazione di cioccolato e semilavorati del cacao, annuncia la chiusura del 2021 con risultati ancora una volta positivi. Un trend in crescita da diversi anni che ha visto l’azienda partire da un fatturato che nel 2015 si attestava sui 135 milioni di euro e che la vede sei anni dopo, chiudere l’anno a 189 milioni (+40%), di cui 12 milioni di incremento ottenuti nel solo 2021.

Il bilancio di Icam Cioccolato

Un risultato particolarmente soddisfacente generato su 25.000 tonnellate di fave di cacao acquistate nel corso dell’anno (+4% rispetto al 2020) e che ha permesso di raggiungere il 60% del mercato estero – particolarmente affezionato al cacao bio e fair trade che Icam lavora in quantità – e il 40% del mercato italiano.

Il totale è stato suddiviso tra le tre principali aree di business che vede i prodotti a marchio dell’azienda (Vanini, Agostoni e Icam Professional) primeggiare con il 42% della quota di fatturato generata, quelli in private label presenti nella gran parte delle insegne della grande distribuzione italiana ed estera con il 40%.

Infine è stato suddiviso in prodotti semilavorati forniti all’industria dolciaria (18%), che si affida a Icam per completare e rendere qualitativamente eccellenti le proprie produzioni. I risultati economici raggiunti non sono l’unico elemento degno di menzione.

Il 2021, momento di assestamento dopo l’anno dei lockdown e dello stravolgimento che la crisi pandemica ha portato sui mercati, ha rappresentato infatti per Icam un’importante occasione per guardare alla propria storia e al proprio modus operandi per ridefinire una nuova identità aziendale legata alla sostenibilità.

cioccolato icam
La produzione Icam di tavolette di cioccato (foto concessa da Icam)

Chocolate by Nature

Chocolate by Nature è la summa della nuova corporate identity di Icam, dimostrazione del totale rispetto che l’azienda rivolge alla materia prima, il cacao, da oltre 75 anni e di quanto il cacao stesso sia naturalmente presente nel DNA della famiglia Agostoni che da tre generazioni se ne prende cura per realizzare cioccolato di altissima qualità.

Un approccio che l’azienda persegue da sempre ma che, proprio attraverso il pay-off Chocolate by Nature, ha deciso di ribadirlo ai propri stakeholder, declinandolo in quattro pilastri principali, attraverso l’impegno concreto a:

  • valorizzare il cacao come elemento principe del più ampio rispetto che l’azienda rivolge all’intera filiera;
  • prendersi cura delle persone che lo lavorano – nei paesi d’origine come nello stabilimento di Orsenigo; coltivare cacao e produrre cioccolato mantenendo inalterati i delicati equilibri che regolano il nostro pianeta;
  • e ricercare sempre le tecnologie più innovative grazie alle quali è possibile occuparsi in maniera efficiente degli altri tre elementi.

“L’attenzione verso filiera, persone, ambiente e innovazione sono da sempre i principi cardine che guidano il nostro agire, dichiara Angelo Agostoni, presidente di Icam Cioccolato. Questi due anni di pandemia ci hanno spinto a riconsiderare ogni elemento che definisce la nostra presenza su questo pianeta e l’impatto di ogni nostra azione.”

ICAM
Lo stabilimento Icam a Orsenigo (foto concessa da Icam)

L’approccio Chocolate by Nature

Angelo Agostoni continua: “Partendo proprio da queste considerazioni, abbiamo messo il nostro impegno verso la sostenibilità nero su bianco, realizzando il manifesto del nostro cioccolato e lo abbiamo pubblicato sul nostro nuovo sito, in modo che clienti e consumatori – professionisti, GDO, artigiani, industrie dolciarie o consumatori finali – possano decidere di sceglierci.”

Per concludere: “Sceglierci non soltanto per la qualità dei nostri prodotti ma anche per il modo in cui li realizziamo e per l’impegno che mettiamo per gestire al meglio le risorse a nostra disposizione. Sono convinto che oggi questo sia l’unico approccio che un’azienda debba perseguire e che sempre di più sarà premiato”.

Il neonato approccio Chocolate by Nature di Icam, poggia già su solidissime basi che hanno visto l’azienda impegnata proprio nel 2021 a portare avanti un progetto orientato a incrementare il rispetto del pianeta: una joint venture dall’elevato livello di innovazione con un’azienda produttrice di incarti, ha portato Icam a realizzare il primo packaging compostabile e certificato, già immesso sul mercato come incarto delle nuove tavolette Vanini Uganda Bio e che sarà nei prossimi anni il fiore all’occhiello della proposta di Icam ai clienti esteri, particolarmente attenti a queste tematiche.

L’attenzione di Icam alla formazione

Impegno verso le persone che vede da sempre Icam attenta alla formazione e alla crescita economica e sociale dei coltivatori nei territori di origine del cacao e che, allo stesso tempo, si è impegnata anche verso le proprie persone di Orsenigo (aumentate nel 2021 di 25 unità) attraverso l’introduzione quest’anno dell’elemento di professionalità.

L’elemento professionalità viene sviluppato attraverso un programma appositamente studiato per valorizzare le competenze professionali a tutti i livelli e per tutti i reparti che ha permesso a tutti i lavoratori di testare le proprie abilità, implementarle e ricevere un bonus in busta paga, in aggiunta a quanto già previsto dal Contratto collettivo nazionale. Inoltre, Icam controlla la propria filiera in ogni fase.

Un approccio from bean to bar che permette in ogni momento di partire da un prodotto finito e risalire, non solo al lotto di fave e alla piantagione in cui sono state coltivate, ma di tracciare ogni singolo fornitore delle altre materie prime che concorrono alla realizzazione del prodotto finito (latte, zucchero, vaniglia ecc) e che Icam seleziona accuratamente, solo se ne condividono e sottoscrivono il codice etico.

Il piano industriale

Una modalità che permette all’azienda lecchese di collaborare soltanto con fornitori in possesso di determinati standard di qualità, escludendo tutti gli altri. Il piano industriale triennale, concordato con circuito di doppi tassi percentuali e approvato con estrema soddisfazione anche dagli istituti di credito condurrà l’azienda al 2024 con un massiccio piano di investimenti.

Tecnologici e non solo, per incrementare l’innovazione dell’azienda con acquisizione di nuovi macchinari e realizzazione di un Innovation Center legato al nostro polo di formazione ChocoCube. L’approccio Chocolate by Nature è illustrato approfonditamente sul sito corporate dell’azienda che è stato di recente rinnovato nella grafica e nei contenuti, per meglio rappresentare la nuova anima di Icam.

La scheda sintetica di Icam Cioccolato

Dal 1946 Icam è interprete di un’autentica cultura del cioccolato italiano e si è imposta come portavoce di eccellenza dell’arte cioccolatiera made in Italy.

Fortemente impegnata nel rispetto della sostenibilità ambientale, sociale ed economica dei suoi fornitori, Icam è una delle poche aziende al mondo che controlla in maniera completa ed integrata la filiera produttiva, selezionando le migliori piantagioni di cacao nel mondo e collaborando strettamente con i produttori locali.

Ultime Notizie