Home Affari & Mercati Al fondo Ital...

Al fondo Italian strategy il 73% di Foodness per proiettare l’azienda al 1° posto nel settore

Riello Investimenti Partners SGR con il Fondo ITALIAN STRATEGY investe nella società FOODNESS SPA leader italiano nella produzione e distribuzione di bevande solubili Free From nel canale Ho.Re.Ca., attraverso un Club Deal promosso da Pigreco Corporate Finance, Giovanni Bertini e Arabella Caporello

Fondo Italian strategy
I caffè speciali del gruppo FoodNess

MILANO – Il Fondo Italian strategy ha acquistato la quota di maggioranza nel capitale di FoodNess Spa. Con un fatturato 2018 di oltre Euro 19 Milioni ed un Ebitda superiore ad Euro 3 Milioni. Hanno investito in una quota di minoranza i promotori dell’operazione oltre ad alcuni imprenditori con una consolidata esperienza nel settore.

Obiettivo dell’acquisizione è quello di far diventare FoodNess il principale operatore in Italia e all’estero nei prodotti solubili alternativi al caffè. Ad elevato contenuto salutistico Free From. Quindi  senza additivi, glucosio, glutine; lattosio e noogm. Anche attraverso un processo di aggregazione di altre realtà.

…. luglio 2019

Riello investimenti partners Sgr attraverso il suo terzo fondo di private equity Italian strategy, che ha effettuato il primo closing il 30 maggio 2019, ha finalizzato l’acquisizione del 73% di Foodness Spa. Con sedi a Curtatone (Mantova) e Reggio Emilia. FoodNess Spa è leader nel settore dei prodotti solubili Free From alternativi al caffè, (ginseng, orzo, creme gelato; the, infusi, etc), distribuiti sul canale Horeca, Vending e GDdo.

LA SPAZIALE
HOST

L’operazione si è perfezionata attraverso un Club Deal promosso da Pigreco Corporate Finance, Giovanni Bertini e Arabella Caporello.

logo Foodness
Logo FoodNess

FoodNess, che si caratterizza per il suo elevato contenuto innovativo, è la prima azienda ad introdurre il concetto di Wellness nel settore horeca con lo sviluppo di un’offerta unica nel segmento Free From, in particolare nelle bevande alternative al caffè, (nuova category di prodotto introdotta proprio da Foodness nel 2016), e nelle creme fredde, il tutto senza glutine, senza lattosio, no Ogm e senza grassi idrogenati.

L’innovazione del senza zuccheri aggiunti

Negli ultimi 2 anni, inoltre, FoodNess è stata artefice e protagonista di un’ulteriore importante innovazione: l’eliminazione degli zuccheri aggiunti (incluso lo sciroppo di glucosio) e degli additivi dalla gamma di solubili in capsula, gli unici oggi a poter vantare caratteristiche chiave così importanti per il mercato.

Questo importante risultato è stato possibile grazie alla grande vocazione che la Società ha nelle attività di R&D, area strategica che ha permesso di raggiungere un livello di know-how altamente specializzato e all’avanguardia.

Il mercato del functional food è atteso in forte crescita in particolare nel canale horeca

Dal lancio del brand FoodNess, avvenuto nel 2014, le vendite hanno registrato tassi di crescita del 40% (Cagr15-18), guadagnando consistenti quote di mercato. Diventando presto il co-leader nei prodotti alternativi al caffè con più di 17.000 bar e ristoranti serviti in tutta Italia.

FoodNess ha realizzato nel 2018 un fatturato pari ad Euro 19,1 Milioni, un EBITDA di Euro 3,1 Milioni ed una PFN di Euro 6 milioni

I fondatori della società, Paolo Fermi, Franco Lusetti e Alberto Andrei manterranno le loro posizioni manageriali. Nonché una rilevante quota di minoranza nel capitale di FoodNess.

Il programma di sviluppo della società prevede un consolidamento selettivo del canale Horeca e la crescita nella Gdo; si prevede inoltre di incrementare la presenza sui canali esteri in particolare nelle strutture di food chain.

Una quota significativa di minoranza nel capitale di FoodNess è stata inoltre acquisita dal Dottor Mario Muttoni e dal Dottor Roberto Venturi degli Esposti

Entrambi con un background più che ventennale nel settore horeca, i quali potranno contribuire al processo di crescita dell’azienda, con le loro competenze sui mercati esteri e sullo sviluppo prodotti.

Hanno inoltre deciso di investire nel capitale i promotori del Club Deal, la Dottoressa Giovanni Bertini, la Dott.ssa Arabella Caporello e Pigreco Corporate Finance.

Con questa operazione Riello Investimenti Partners SGR, i cui partners sono Nicola Riello, Luigi Terranova e Andrea Tomaschù, avvia l’operatività del suo terzo fondo di Private Equity Italian Strategy, con un target di raccolta di € 150 milioni, appena pochi giorni dopo il suo primo closing con i commitments in prevalenza di Banche, Family offices e Casse di previdenza.

L’investimento in FoodNess è coerente con la strategia del fondo Italian Strategy che si focalizza in modo prevalente ma non esclusivo, su quattro aree di interesse, le “4 A”, Arredamento, Alimentare, Automazione e Abbigliamento. Settori nei quali si rilevano interessanti opportunità di investimento e di sviluppo sulla piccola e media impresa di successo.

Chiè Riello investimenti partners Sgr

Riello investimenti partners Sgr, fondata da Nicola Riello, è attiva nel settore degli investimenti alternativi da più di 20 anni attraverso la gestione di fondi di private equity (Italian Strategy) e di private debt (Impresa Italia) con AUM complessivi pari a quasi Euro 300 Milioni.

Sin dalle sue origini Riello Investimenti si caratterizza per la focalizzazione nelle imprese virtuose di piccola e media dimensione, e per lo stile di gestione attivo facendo leva sul background industriale del team d’investimento e del promotore Riello Industries.

Lo schema dell’operazione

Riello investimenti partners Sgr è stata assistita nell’acquisizione di FoodNess per gli aspetti legali e contrattuali dallo Studio Gatti Pavesi Bianchi, con un team coordinato dal Partner Paolo Garbolino e composto da Michele Conese, Maria Cristina Pezzullo e Guidomaria Brambilla e per la due diligence finanziaria e fiscale da Deloitte FAS.

L’avvocato Laura Fiordalisi dello Studio Alpeggiani ha assistito Riello investimenti partners Sgr nell’ambito degli accordi contrattuali con gli altri investitori che hanno partecipato all’operazione.

I venditori sono stati assistiti per gli aspetti contrattuali e fiscali dall’avvocato Luca Lasagna dello Studio Lasagna. E dal Dottor Antonio Pavesi dello Studio Scardovelli di Mantova.