Home Scienza Finlandia: un...

Finlandia: una ricerca studia il legame tra caffè e diabete ma usa le tazze

La ricerca cerca sempre risposte che possano indagare al meglio il legame del caffè con alcune malattie. In questo caso riportiamo uno studio rispetto al diabete, svolto in Filandia

tazzina

MILANO – Diffondiamo una ricerca condotta in Finlandia e pubblicata su una rivista specializzata per malati di diabete. Si è preso come riferimento un paese in cui il consumo di caffè è molto forte. Talmente tanto, che si tratta della terra in cui si beve caffè di più al mondo.

Finlandia. Quanto caffè si beve?

Si parla di 11,7 kg/persona anno, secondo un dato del 2015. Assieme ad un consumo medio die di 2,65 tazze da 250 grammi.

E’ giusto però rimarcare che tale studio fa riferimento alle tazze 125-250 grammi di caffè. Un dato interessante rispetto all’Italia. Qui, il caffè si consuma in tazzine da 20-25 ml massimo.

GOGLIO
FRANKE

Per farsi un’idea più precisa

Le 5 tazze di caffè finlandese equivarrebbero dunque a 25-50 tazzine di espresso al giorno. Quindi, l’analisi che diffondiamo è valida soltanto per la Finandia.

Cosa dice la ricerca

Gli adulti con diabete di tipo 1 che consumano almeno 5 tazze di caffè al giorno hanno un aumentato rischio di sindrome metabolica. Almeno rispetto a quelli che bevono meno, secondo i ricercatori.

Henrik Groop, MD, PhD

Il professore di nefrologia presso l’Università di Helsinki in Finlandia, e colleghi hanno valutato i dati dello studio finlandese di nefropatia diabetica. Su 1.040 adulti con diabete di tipo 1 per determinare le potenziali associazioni tra consumo di caffè e sindrome metabolica .

I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi in base al consumo di caffè

Non consumatori (<1 tazza al giorno, n = 134, 34,3% uomini, età media, 40 anni, durata media del diabete, 21 anni), consumatori bassi (1 tazza a < 3 tazze al giorno, n = 230, 32,2% uomini, età media, 46 anni, durata media del diabete, 30 anni);

consumatori moderati (? 3 tazze a <5 tazze al giorno; n = 371; 45% uomini; età media , 48 anni, durata media del diabete, 27 anni) o consumatori elevati (? 5 tazze al giorno, n = 305, 59,7% uomini, età media, 49 anni, durata media del diabete, 29 anni).

La frequenza della sindrome metabolica è aumentata con l’aumento del consumo di caffè

Con il tasso più basso nei non consumatori (51%) seguito da bassi consumatori (64%), consumatori moderati (65%) e consumatori elevati (70%).

Le probabilità di sindrome metabolica erano più elevate nei gruppi di consumatori moderati e alti. Rispetto al gruppo non di consumo nell’analisi di regressione logistica regolata per età, sesso, consumo di energia; assunzione di alcol, attività fisica e fumo.

Qualsiasi livello di consumo di caffè era associato a maggiori probabilità di ipertensione

La componente della pressione sanguigna della sindrome metabolica. Il tasso medio di filtrazione glomerulare stimato è aumentato con l’aumento del consumo di caffè;

mentre non sono state osservate differenze tra i gruppi per il tasso stimato di smaltimento del glucosio o proteina C-reattiva ad alta sensibilità.

“Il consumo moderato e elevato di caffè è associato ad un aumentato rischio di sindrome metabolica; mentre qualsiasi livello di consumo di caffè è associato a quote più elevate o ad adempiere alla componente della pressione arteriosa [sindrome metabolica]”, hanno scritto i ricercatori.

“Inoltre, aumentare l’assunzione di caffè è associato a un eGFR più elevato. Se il consumo abituale di caffè avrà effetti negativi o benefici sugli esiti della salute, in questa popolazione di pazienti con diabete di tipo 1, sarà valutato in studi futuri. “