Home Bar Caffetteria SAN GIOVANNI ...

SAN GIOVANNI LUPATOTO – Riuscito il 7° record di Diana

Riuscito il primato dei 1.200 caffè preparati in 3 ore e 20 minuti. Tutti distribuiti subito dopo: raccolti 2000 € per la cooperativa. Il Guinness della solidarietà ha richiamato centinaia di persone

ettore diana

SAN GIOVANNI LUPATOTO (Verona) – Pieno successo sabato per la manifestazione organizzata per la posa della prima pietra delle nuova sede della cooperativa sociale La Ginestra. Altrettanto successo anche per il tentativo di Guinness dei primati per il barman Ettore Diana.

L’operatore ha preparato 1.200 caffè in 3 ore e 20 minuti usando una moka alta 85 centimetri in grado di fare 150 caffè alla volta.

Ettore Diana entra nel Guinness

«La certificazione del record, eseguita da tre funzionari comunali, è stata inviata a Londra dove verrà registrata nel libro dei Guinness». Ha detto lo stesso Ettore Diana.

L’eclettico barman lupatotino (abita in viale Olimpia) si avvia a firmare, questa volta insieme a Orlando Leone, proprietario della supermoka, il settimo Guinness dei primati.

Conquistato dopo aver fatto lo spritz, il cocktail, il tè, il cappuccino, la tisana e il caffè più grandi del mondo. Per poi essere diventato il miglior barman del pianeta lo scorso ottobre vincendo i Campionati mondiali di Pechino.

«Fare del bene fa bene», ha commentato Diana

Riferendosi al Guinness che ha portato alla raccolta di oltre 2.000 euro per La Ginestra grazie alle offerte fatte da chi beveva i caffè. Così ha richiamato ieri al bocciodromo comunale moltissimi lupatotini nonostante il tempo inclemente.

Prima del record c’è stata la posa della prima pietra della nuova sede della cooperativa per disabili

La presidente del sodalizio Amabile Dal Sasso ha detto: «Oggi per noi è una giornata di festa. Perché posiamo il primo mattone di laboratorio e uffici che costituiranno la nuova sede operativa. Penseremo in un momento successivo a come pagare l’opera, ma sono sicura che ce la faremo.

Ringraziamo gli sponsor e le autorità. Anche quelle che oggi non sono potute intervenire ma che sappiamo esserci vicine, dall’assessore regionale Sernagiotto a quello provinciale Sachetto ai responsabili delle Ulss».

Fonte: l’Arena