venerdì 12 Agosto 2022

COCOTEA 2013 / 2 – Caffè, Cacao e te: a Napoli in corso il secondo Simposio mondiale

Da leggere

NAPOLI  – La prima edizione del “Coffee and Conversation Symposium” di Nespresso si è aperta ieri a Napoli, nell’ambito dei tre giorni di CoCoTea 2013: l’appuntamento internazionale con i maggiori esperti di caffè, tè e cacao, chiamati da tutto il mondo a confrontarsi sui molteplici aspetti alla base del successo di questi tre prodotti, sia da un punto di vista scientifico sia a livello socio-culturale.

 Il “Coffee and Conversation Symposium” è stata una straordinaria opportunità di condivisione delle scoperte più recenti riguardanti il caffè e di conversazione con specialisti, ricercatori  e manager di Nespresso per capire quali innovazioni contribuiscono a migliorare la qualità del caffè e l’esperienza di degustazione dei consumatori lungo tutta la catena del valore, dal chicco alla tazzina.

L’industria del caffè rappresenta un settore affascinante e complesso, all’interno del quale si incrociano diverse discipline che spaziano dall’agronomia alla biochimica, dall’ingegneria alla genetica, fino alla psicologia e all’economia.

Attraverso il simposio “Coffee and Conversation”, Nespresso – in qualità di pioniere a livello mondiale e leader nel settore del caffè porzionato di altissima qualità – intende favorire l’interazione e il dibattito tra i massimi esperti in materia, con l’obiettivo comune di offrire agli amanti del caffè un prodotto eccellente, sempre più sostenibile e vicino alle loro esigenze.

Il programma del simposio

Animato da un panel di relatori che spaziava dalla chimica del caffè ai meccanismi emotivi che ci portano ad apprezzare questa bevanda, il simposio promosso da Nespresso si è svolto ieri.

Ha aperto i lavori Rodrigo Alarcon di Almacafé (società operante all’interno della National Federation of Coffee Growers of Colombia); ingegnere chimico con oltre 20 anni di esperienza nella produzione, lavorazione e commercializzazione del caffè, Alarcon affronterà il tema dell’utilizzo dei sottoprodotti del caffè lungo la filiera produttiva.

A seguire, il Prof. Thomas Hofmann della Technical University di Monaco ha illustrato “Il contributo della scienza molecolare per trasferire la qualità del chicco nella tazzina”; l’ambito di studio del Prof. Hofmann è la comprensione dell’influenza dei processi tecnologici sulla chimica del caffè e la creazione delle chiavi molecolari per la percezione sensoriale legata a questa bevanda.

Dopo i primi due interventi dedicati al caffè, il Prof. Philippe Darriet, Direttore del dipartimento di Enologia presso l’Università di Bordeax ha intrattenuto i partecipanti in un viaggio di ricerca sul vino, soffermandosi sui principali aspetti che lo accomunano al caffè in termini di lavorazione, qualità dei Grand Cru e influenza del territorio.

Da ultimo, il Prof. David Sander, Direttore dell’Istituto Svizzero di Scienze Affettive presso l’Università di Ginevra ha spiegato quali sono i meccanismi emotivi e comportamentali che portano gli essere umani a reagire a determinati stimoli visivi ed olfattivi, e che sono alla base dell’attrazione delle persone per il caffè.

Al termine delle singole presentazioni, ha preso il via un dibattito moderato da Dean Sanders, fondatore di GoodBrand ed autorevole esperto in materia di sostenibilità dei prodotti agricoli tra cui caffè, cacao e tè. Oltre ai relatori intervenuti nella prima parte del simposio, sono stati invitati a portare la propria testimonianza:

  • Laurent Assoulen, musicista e profumiere celebre per la capacità di stimolare i sensi dei consumatori, grazie alla sua passione per le fragranze e l’abilità ad analizzarne le corrispondenze musicali. Fondendo queste due passioni, Assoulen tiene concerti “profumati” in Francia e all’estero.
  • Géraldine Hue di Market Vision, esperta nel sondare le preferenze dei consumatori nonché nello sviluppo di nuove modalità per decodificarle e comprenderle al meglio.
  • Alexis Rodriguez, Green Coffee Specialist di Nespresso, che illustrerà come le ultime frontiere dell’innovazione consentono di monitorare tutto il processo produttivo per ottenere un caffè della massima qualità al mondo.
  • Imre Blank di Nestlé Research (Direttore del Dipartimento di Scienze presso il Product Technology Center di York) che, dopo essersi occupato di scienza del caffè per molti anni, si è spostato di recente al settore dolciario e farà un parallelismo tra cioccolato e caffè guardando in particolare al ruolo fondamentale della chimica nei processi di produzione.
  • L’agenda completa del “Coffee and Conversation Symposium” a cura di Nespresso è disponibile sul sito del convegno al link:

http://www.cocotea2013.org/pagine/ita/nespresso-coffee-and-conversation.lasso

Per maggiori informazioni su CoCoTea 2013 che chiuderà domani e per accedere al programma completo del Convegno: www.cocotea2013.org

Lo sponsor della manifestazione è Nestlé Nespresso SA: la scheda sintetica

Nestlé Nespresso SA è pioniera e società leader nella fornitura di caffè porzionato di altissima qualità. Con sede a Losanna, Svizzera, Nespresso opera in circa 60 paesi e conta oltre 8.000 dipendenti. Nel 2012 ha gestito una rete mondiale di vendita al dettaglio di cui fanno parte oltre 300 boutique esclusive.

Per ulteriori informazioni  www.nestle-nespresso.com 

 

Ultime Notizie