sabato 27 Novembre 2021

Svolta salutista delle uova di Pasqua: le vegane battono quelle senza zucchero

"Le uova di Pasqua hanno subito un restyling vegano poiché l'alimentazione a base vegetale guadagna trazione tra le categorie di alimenti. Con la crescita della domanda di alimenti a base vegetale in tutte le categorie, i marchi di cioccolato stanno lanciando nuove barrette di cioccolato al latte che si basano su latte vegetale piuttosto che animale. Stanno anche riformulando alcuni dei loro marchi più popolari, sostituendo il latte da latte con latte vegetale ", dice Marcia Mogelonsky, Direttrice della sezione food and dring di Insight Mintel

Da leggere

MILANO – La nuova tendenza del vegano ha colpito anche il settore delle Uova di Pasqua: proprio in questa festività del 2021, i dati parlano chiaro e raccontano una crescita incredibile della richiesta di questi prodotti simbolici nella versione modificata. Una moda passeggera, o un segnale del cambio di tempi e consumi? Leggiamo i dettagli dall’ansa.it.

Vegano: anche l’Uovo di Pasqua lo diventa

Il cioccolato è tradizione, specie a Pasqua. Il report di Mintel lanciato il 31 marzo fa emergere il boom di cioccolato vegano, mentre fa fatica a decollare quello meno zuccherino.

Inoltre rivela che ci sono state molte meno nuove scelte per gli amanti del cioccolato in tutto il mondo questa Pasqua, poiché c’è stata una riduzione del 25% del cioccolato pasquale lanciato a livello globale rispetto al 2020. Secondo Mintel Global New Products Database (GNPD), dai coniglietti ai pulcini alle grandi uova, il cioccolato pasquale ha rappresentato un prodotto di cioccolato su dieci (10%) lanciato a livello globale negli ultimi 12 mesi.

La novità è il boom di cioccolato vegano ossia senza ingredienti di origine animale

Un dato questo in linea con gli auspici di un’alimentazione sempre meno basata sugli animali e non solo a Pasqua. Un lancio di cioccolato su venti è vegano: la Gran Bretagna è all’avanguardia per questi nuovi prodotti (17%) seguito dalla Germania (11%). Nel frattempo, gli Stati Uniti (6%), l’Australia (5%) e il Sud Africa (5%).

“Le uova di Pasqua hanno subito un restyling vegano poiché l’alimentazione a base vegetale guadagna trazione tra le categorie di alimenti. Con la crescita della domanda di alimenti a base vegetale in tutte le categorie, i marchi di cioccolato stanno lanciando nuove barrette di cioccolato al latte che si basano su latte vegetale piuttosto che animale. Stanno anche riformulando alcuni dei loro marchi più popolari, sostituendo il latte da latte con latte vegetale “, dice Marcia Mogelonsky, Direttrice della sezione food and dring di Insight Mintel.

In Italia non sono ancora molto diffuse

Al supermercato con il marchio veganok ci sono Be Well (Fabbrica Cioccolato Perugia) e L’Edenista by Paluani; altri marchi sono Probios, Loving Vegan ed altri (tra quelli fondenti 70% basta leggere l’etichetta perchè spesso sono vegani senza dichiararlo per motivi di costi di ‘bollino’), mentre in pasticcerie e cioccolaterie artigianali se ne trovano diverse: apriprista è Grezzo – Raw Chocolate che da Roma a Monti dove è nato ha sede anche a Milano.

Il cioccolato con meno zucchero non decolla

La maggiore attenzione riservata alla salute e al benessere nell’ultimo anno ha esercitato un’ulteriore pressione sugli sforzi di riduzione dello zucchero. Secondo la ricerca Mintel, il cioccolato a basso / zero zucchero e senza zucchero rappresenta solo una frazione dello sviluppo di nuovi prodotti. Negli ultimi 12 mesi , il cioccolato “corretto per lo zucchero” è stato responsabile di meno di un lancio su venti (4%) a livello globale, rispetto al 3% dell’anno precedente. Solo quattro acquirenti britannici di cioccolato su dieci (41%) hanno provato cioccolato a basso contenuto di zucchero.

“La pandemia Covid-19 ha aumentato l’attenzione sulla salute generale, così come l’epidemia di obesità che affligge diverse nazioni. Ciò ha aggiunto ulteriore pressione sulle credenziali di salute del cioccolato. La pasticceria non sarà mai un “alimento salutare” convenzionale e il percorso verso la riduzione dello zucchero rimane accidentato – commenta Mogelonsky.

La guerra allo zucchero rimarrà un campo di battaglia impegnativo poiché la nostra ricerca rivela che i consumatori desiderano in gran parte mantenere i loro soliti prodotti a base di cioccolato senza riduzione dello zucchero. L’esortazione dei consumatori a ridurre l’assunzione di zucchero ha, per la maggior parte, incontrato reazioni contrastanti. Mentre alcuni consumatori cercano di abbandonare i cibi eccessivamente zuccherini, altri sono riluttanti – almeno lo erano fino all’inizio del COVID-19, che ha fornito un forte impulso per migliorare le abitudini alimentari “.

Ben più di un quarto (28%) di tutti i lanci globali di cioccolato sono per ricorrenze, come Natale, Pasqua, San Valentino e Halloween. Ma non è solo la Pasqua ad aver assistito a una battuta d’arresto dell’innovazione: negli ultimi 12 mesi i lanci di tutto il cioccolato stagionale sono diminuiti del 18%, mentre lo sviluppo di nuovi prodotti nell’industria del cioccolato nel complesso è diminuito del 14%. “Sebbene l’innovazione sia rallentata, Internet si è rivelata una storia di successo per alcuni produttori che hanno introdotto con successo nuovi prodotti e lanciato estensioni di marchi familiari e confortanti attraverso le vendite online e i social media”, dice Marcia Mogelonsky.

“Affrontare le vacanze è stata una vera sfida per l’industria del cioccolato. Le vendite di Pasqua del 2020 sono diminuite poiché quella festa è stata la prima ad essere celebrata in lockdown. Anche le occasioni chiave del cioccolato come Halloween e Natale hanno sofferto per via della pandemia che ha bloccato i consumi”.

Ultime Notizie