Home Estero Cina, agroali...

Cina, agroalimentare made in Italy in forte crescita: esportazioni di caffè torrefatto a 1,1 milioni di euro nel 2005

torrefazioni dazi caffè torrefatto italiano in Cina torrefattori caffè torrefatto in Italia
Un settore colpito duramente dal virus

SHANGHAI (Cina) – Buoni riscontri per il made in Italy dalla 15° edizione della “Food & Hotel China” svoltasi la scorsa settimana a Shanghai. La manifestazione, che si è conclusa sabato, ha cadenza annuale ed è dedicata all’esposizione di prodotti agroalimentari e di strutture e servizi alberghieri.

Erano presenti oltre 700 espositori, provenienti da più di 30 Paesi, distribuiti su una superficie complessiva di circa 30.000 mq. La Collettiva italiana ha occupato una superficie di 432 mq. ospitando 35 espositori. All’interno dell’area espositiva è stato realizzato un centro servizi, con la funzione di ospitare e orientare i visitatori stranieri e di fornire assistenza marketing e logistica agli espositori italiani.

La Cina costituisce al momento un mercato di nicchia per la nostra produzione agroalimentare, ma le prospettive, considerando la forte crescita economica e le dimensioni del paese, sono decisamente promettenti e le cifre appaiono sin d’ora decisamente rilevanti.

Nel 2005 le importazioni dall’Italia sono ammontate a circa 17 milioni di euro, pari a ben il 41% in più rispetto al 2004.. Il prodotto di punta rimane il vino (4,6 milioni di euro), che ha registrato, l’anno scorso, un incremento del 63% rispetto ai dodici mesi precedenti.

Straordinaria la crescita dell’olio d’oliva (4 milioni di euro, pari al 115% in più rispetto al 2004) divenuto il secondo prodotto alimentare italiano più esportato in Cina. Conferme importanti sono giunte anche da conserve e succhi vegetali, prodotti dolciari e pasta alimentare.

Di assoluto rilievo infine l’incremento delle esportazioni di caffè torrefatto che, con 1,1 milioni, hanno registrato nel 2005 una crescita a valore del 58% rispetto all’anno anteriore.