Home Salute e caffè Parola del ca...

Parola del cardiologo: il caffè è meglio berlo senza aggiunte per la salute

Il caffè viene spesso bevuto con panna, latte condensato e altri ingredienti zuccherini, ma il cardiologo consiglia di consumare questa bevanda con altro

tumore cardiologo
Come è meglio bere il caffè?

MILANO – Il caffè fa bene alla salute, a patto però che si rispettino determinate condizioni: è inutile bere una tazzina piena di zucchero convinti che sia terapeutica. Le cose sono un po’ diverse da così e le chiariamo ancora una volta attraverso l’intervento del cardiologo Leonard Planko che sul sito it.sputniknews.com…ha chiarito cosa fare e non fare quando si parla di caffè, anche se non necessariamente di espresso.

Il cardiologo consiglia al coffee lover

In un’intervista con il tabloid britannico Express, il cardiologo Leonard Pianko ha raccontato qual è il modo migliore per bere il caffè. Prima di tutto, ha osservato il medico, la bevanda non dovrebbe essere troppo zuccherata e “grassa”. Una grande quantità di panna, zucchero, sciroppi, liquori, trasforma di fatto questa bevanda in una bomba calorica, annullando sostanzialmente gli effetti benefici.

Idealmente, ha spiegato l’esperto, il caffè dovrebbe essere consumato senza aggiungere nulla, semplicemente mescolando i chicchi macinati con l’acqua. Tuttavia, questa versione della bevanda può sembrare troppo forte e acida per qualcuno: il latte non zuccherato aiuta ad “ammorbidirla”.

Si possono aggiungere altre cose

“Potete aggiungere noce moscata e cannella al caffè: queste spezie aiutano a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue”, ha detto il cardiologo.

Pianko dice che il caffè “puro”, privo di additivi zuccherini e grassi che si trovano spesso nei fast food, è un’ottima fonte alimentare di antiossidanti che possono combattere infiammazioni nel nostro organismo. Grazie a questa caratteristica, bere caffè è utile nella prevenzione di malattie pericolose, tra cui cancro al fegato, cancro del colon-retto e tumore alla prostata, morbo di Parkinson e Alzheimer, malattie cardiache e ictus.