Home Notizie Brevi TAGLI DELLA S...

TAGLI DELLA SPESA – Il caffè costa caro e l’Udc lo prende al bar perché quello preparato all’interno del palazzo della Regione Sicilia è caro

Il caffè è salato anche per i deputati. Udc in difficoltà sulla voce spese, redige un nuovo regolamento

UDC

PALERMO- In tempo di crisi e di spending review anche ordinare un caffè alla buvette dell’Assemblea regionale siciliana è diventato troppo caro (costa 70 centesimi). Persino per le casse dei gruppi parlamentari; soprattutto dopo il taglio dei fondi approvato in bilancio. D’ora in avanti i deputati dell’Udc per intrattenere gli ospiti ricevuti negli uffici del gruppo si rivolgeranno ai bar che si trovano all’esterno di Palazzo dei Normanni. Nonostante il servizio affidato alla ditta di ristorazione.

Udc l’ha messo per iscritto nel nuovo regolamento

Che è stato discusso due giorni fa dai componenti del gruppo. Di cui fa parte anche il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone. Le nuove regole intervengono sulla gestione amministrativa e finanziaria del gruppo.

Si tratta di dieci articoli che “costituiscono disciplina di dettaglio. Finalizzata a una più esaudiente attuazione del regolamento finanziario e di contabilità. Infine approvato dal Consiglio di presidenza dell’Ars”.

FRANKE
BAZZARA

In particolare sarà istituito un registro annuale

Dove saranno scritte tutte le entrate e le spese. In più sarà individuato il dipendente responsabile della gestione del bilancio di previsione e di ogni altra operazione gestionale.

“La gestione finanziaria – si legge nel regolamento – sarà ispirata alla massima trasparenza amministrativa”.

La voce ‘spese di rappresentanza‘, come per esempio “acqua e caffé”, “necessarie per l’intrattenimento degli ospiti dei parlamentari negli uffici del gruppo” è contenuta nell’art. 5.

“dovranno avvenire di norma – si legge – usufruendo del servizio di fornitori esterni onde consentire un maggiore risparmio rispetto ai prezzi praticati dalla buvette dell’Ars”. E “qualora il presidente (del gruppo) debba usufruire di servizi di ristorazione (colazioni di lavoro, ecc) per motivi di rappresentanza, alle pezze giustificative, dovrà essere allegato dichiarazione attestante il fine istituzionale”.
Fonte: livesicilia