giovedì 29 Febbraio 2024
  • CIMBALI M2

Bialetti: conti di nuovo in rosso con perdita di 4 milioni, l’azienda: “Causa dell’impatto degli oneri finanziari e perdite su differenze cambi”

Ci sono anche dei risultati positivi: il gruppo nell'esercizio 2022 ha conseguito ricavi consolidati pari a 152,9 milioni di euro, con un incremento del 3,9% rispetto al dato dello stesso periodo 2021

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Il bilancio consolidato 2022 appena approvato dal Consiglio di amministrazione di Bialetti Industrie Spa ha fatto registrare perdite per 4 milioni di euro. Il 2021 si era chiuso con utili per 5,8 milioni, il 2020 con perdite per 7 milioni. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato su Brescia Today.

Il bilancio Bialetti 2022

COCCAGLIO (Brescia) – Torna in rosso il bilancio di Bialetti Industrie Spa, storica azienda bresciana – quartier generale a Coccaglio – che opera nella produzione e commercializzazione di prodotti rivolti all’houseware e, in particolare, con il marchio Bialetti nel mercato di prodotti per la preparazione del caffè (caffettiere tradizionali, elettriche e macchine per il caffè espresso) oltre che di una linea di caffè in capsule.

La San Marco Leva Luxury Multiboiler

Il bilancio consolidato 2022 appena approvato dal Consiglio di amministrazione ha fatto registrare perdite per 4 milioni di euro: un risultato, fa sapere l’azienda, “influenzato dall’impatto degli oneri finanziari e dalle perdite su differenze cambi”. Il 2021 si era chiuso con utili per 5,8 milioni, il 2020 con perdite per 7 milioni.

I risultati del 2022

Ma ci sono anche (e ovviamente) dei risultati positivi. Il gruppo nell’esercizio 2022 ha conseguito ricavi consolidati pari a 152,9 milioni di euro, con un incremento del 3,9% rispetto al dato dello stesso periodo 2021 (chiuso a 147,3 milioni di euro). “La crescita – si legge ancora in una nota di Bialetti – rappresenta un importante traguardo, raggiunto all’interno di un quadro macro-economico complicato dal conflitto in Ucraina, dall’aumento dei costi energetici e di numerosi altri elementi congiunturali che hanno destabilizzato le politiche di approvvigionamento e l’accesso ai mercati di sbocco internazionali”.

Triestespresso

L’ebitda (margine operativo lordo) risulta positivo per 26,5 milioni di euro (+2,5 milioni rispetto all’esercizio 2021): l’ebit (margine operativo netto) è pari a 12,923 milioni (+3,3 milioni rispetto al 2021).

La crescita dei ricavi è dovuta all’incremento delle vendite nel “mondo caffè” (sia in termini di caffettiere che di caffè in capsule e macinato), allo sviluppo estero mediante l’apertura di filiali commerciali negli Stati Uniti e in Australia, allo sviluppo delle vendite online, alla ripresa del mercato italiano post-pandemia.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • LF Repa
  • Quamar
  • TME Cialdy Evo

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac