Home Caffè Speciali Nel Minas Ger...

Nel Minas Gerais api africanizzate migliorano il raccolto (+15%) e l’aroma

L'area in cui sono state utilizzate per la prima volta le api ha prodotto il 15% in più rispetto all'area autoimpollinata e il caffè ha anche un sapore migliore, secondo Contreras. Il caffè ottiene un voto in base al sapore quando i produttori brasiliani vendono i loro chicchi

api caffè brasile
Un aiuto alla coltivazione arriva dagli insetti

MINAS GERAIS – Api e coltivazioni di caffè possono esser collegati? Eccome: accade in Brasile, dove i coltivatori del Minas Gerais hanno deciso di collaborare con questi insetti per migliorare il gusto dei loro chicchi. Leggiamo com’è stato possibile mettere in atto questo progetto da revistagloborural.globo.com.

Api per la produzione di caffè: succede in Brasile

Nel Minas Gerais, i produttori riferiscono che la cooperazione degli insetti ha portato a un raccolto più grande del 15% e a un caffè dal sapore migliore. Il Brasile è il più grande produttore mondiale di caffè, ma i caffeicoltori stanno iniziando a utilizzare un’arma segreta insolita per aumentare ulteriormente la produttività: le api africanizzate.

Gli insetti sono usati raramente nel paese per impollinare le piante di caffè arabica perché si autoimpollinano. Ora, però, i produttori brasiliani stanno sfruttando la tecnologia per innescare più facilmente il “rinforzo” degli insetti.

“Alle api piace lavorare così tanto che gli abbiamo trovato ancora più lavoro da fare. Sono come dei piccoli robot”, dice Vanusia Nogueira, direttrice esecutiva dell’Associazione brasiliana dei caffè speciali, che afferma di sostenere fortemente lo sforzo perché produce caffè migliori e più sostenibili.

Il risultato migliorato dalle api potrebbe essere utile nel 2021

La produzione brasiliana di caffè Arabica ha un ciclo di due anni, con raccolti maggiori negli anni pari rispetto a quelli dispari, in cui le piante si riprendono. Il maltempo dell’anno scorso durante i periodi chiave per lo sviluppo delle piante significa un raccolto ancora più piccolo nel 2021, secondo la Compagnia nazionale di approvvigionamento (Conab).

Uno dei modi per accedere più facilmente alle api è tramite le app. Guilherme Sousa e due soci hanno iniziato a offrire il servizio di collegamento tra apicoltori e caffeicoltori di nel 2019 tramite “Agrobee”, che è stato chiamato “Uber delle api”.

L’obiettivo iniziale dei partner era quello di contribuire ad aumentare la produttività, ma loro sanno anche che l’impollinazione con le api ha molti altri vantaggi, soprattutto per l’ambiente.

“È decisamente più sostenibile, perché stai aumentando la produttività a un costo molto basso per l’ambiente. Non hai deforestazione, non devi usare più pesticidi, quindi alla fine finisci per ridurre le emissioni di carbonio per ogni tonnellata di caffè prodotta. E consumi anche meno acqua, perché riesci a ricavare più caffè, con la stessa quantità di acqua”, osserva.

Marisa Contreras ha iniziato a utilizzare i servizi di “AgroBee” nel 2020

Come esperimento su 10 degli ettari che lei e suo marito hanno piantato nella loro terra, la fazenda “Capoeira Coffee” a Minas Gerais. I produttori sono rimasti così colpiti dal risultato che hanno in programma di estendere l’uso delle api a tutti i 100 ettari coltivati a caffè entro il 2025.

L’area in cui sono state utilizzate per la prima volta le api ha prodotto il 15% in più rispetto all’area autoimpollinata e il caffè ha anche un sapore migliore, secondo Contreras. Il caffè ottiene un voto in base al sapore quando i produttori brasiliani vendono i loro chicchi. I voti più alti portano più soldi e il caffè proveniente dalle aree impollinate dalle api può guadagnare qualche punto in più rispetto ai campi vicini dove le piante si sono autoimpollinate, secondo la caffeicoltrice.

“La prima indicazione che il caffè sarebbe stato buono è avvenuta quando ci siamo avvicinati al momento del raccolto. Abbiamo fatto un test per misurare lo zucchero nel caffè e sono risultati i chicchi più dolci della piantagione. La prima cosa che ho pensato quando l’ho assaggiato è stata “questo è dolce, è così equilibrato”. Era meraviglioso”;, ha detto Contreras.

L’AgroBee lavora con 200-300 apicoltori e, con la domanda di servizi dell’azienda in crescita esponenziale, continua ad aumentare il numero dei suoi fornitori. Gli insetti hanno impollinato 450 ettari di piantagioni di caffè nel 2020 e si prevede che lavoreranno su circa 4.000 ettari nel 2021, afferma Souza.