Home Notizie Andria, rinca...

Andria, rincari lievi con il nuovo listino: l’espresso passa a 90 centesimi

Un dettaglio del nuovo listino bilingue

ANDRIA – È in vigore dal 1° gennaio il nuovo Listino Prezzi dei prodotti di caffetteria, gelateria, pasticceria per la provincia di Barletta-Andria-Trani, approvato nel corso dell’assemblea che si è svolta a novembre presso la sede di Unimpresa Bat.

Ricordiamo che Andria è un comune di 99 857 abitanti, capoluogo, insieme a Barletta e Trani, della provincia di Barletta-Andria-Trani, in Puglia. È la quarta città della regione per popolazione, nonché la diciottesima d’Italia per superficie.

Per effetto degli adeguamenti (peraltro contenuti) che sono stati decisi in tale occasione, il prezzo del caffè a 90 centesimi di euro; espressino e caffè decaffeinato ad un euro; il cappuccino a un euro e 20 centesimi; flut spumante e spremute di frutta a 2 euro e 50 centesimi fino ai 2 euro del bicchierino di amaro nazionale; serviranno 2 euro e 50 centesimi per una granita di caffè con panna o per un quarto di cassata; 1 euro e 50 centesimi per il cono gelato e 20 euro al chilogrammo per la gelateria mignon.

FOODNESS
CARTE DOZIO

Costerà invece, 1 euro per un cornetto vuoto, per la farcitura bisognerà aggiungere 20 centesimi; la pasticceria fresca mignon costerà 18 euro al chilogrammo mentre le zeppoline saranno vendute a 22 euro al chilogrammo; la biscotteria a 18 euro al chilogrammo. Infine, la pasticceria secca di mandorle sarà posta in vendita ad euro 25 euro al chilo.

Completo di tutte le voci sia in italiano che in inglese, il listino contempla anche le varianti in latte senza lattosio e soia vegetale. Al suo interno, anche questa volta, sono state integrate le norme di Pubblica Sicurezza che disciplinano l’attività di Pubblico Esercizio, che devono essere obbligatoriamente esposte, al pari dei tanti cartelli obbbligatori, pena sanzioni pesantissime.