Home Bar Caffetteria Alla tazza d’...

Alla tazza d’oro di Ancona il titolare dice: “Se va avanti così, dovremo chiudere”

Il titolare: “Oggi ho tenuto parte del personale a casa, chiamando solo due baristi – aggiunge -. Speriamo di non dover ridurre ulteriormente”. All’interno sono stati dimezzati i tavolini e messo il plexiglas per le sedute a due posti. C’erano anche proposte per il pranzo “ma non c’è stata richiesta”

alla tazza d'oro
Il gestore del bar di Ancona

ANCONA – La Fase 2 è ufficialmente iniziata lunedì 18 maggio tra polemiche, proteste e anche qualche entusiasmo. Purtroppo non è proprio una riapertura sinonimo di una vera e propria ripresa: i consumatori sono ancora spaventati e un po’ restii a prendersi il caffè al tavolino dei locali. La reazione del titolare del locale Alla tazza d’oro al centro di Ancona, Flavio Zoppi, commenta quella che sembra quasi una falsa partenza. Da youtvrs.it.

Alla tazza d’oro mancano i clienti

“Se questa è la giornata di lavoro che ci si prospetta da qui in avanti, allora si va verso la chiusura. Da me sono venute il 20% delle persone”. Non è stata una buona ripartenza per Flavio Zoppi, titolare del bar Alla tazza d’oro nel centro di Ancona. Prima del coronavirus il suo era un bar dove caffè, colazioni e pranzi si facevano a raffica.

“Avevamo preparato pochi sandwich e brioche – dice Zoppi -, ma è rimasto quasi tutto qui. C’è ancora paura tra la gente”

“Il passeggio fuori l’ho visto, ma tirano dritto. Se incontrano qualcuno sullo stesso marciapiede, cambiano strada”. Al bancone dove solitamente sostavano decine e decine di clienti adesso possono accostarsi solo sette persone alla volta, come indicano dei segni per terra.

“Oggi ho tenuto parte del personale a casa, chiamando solo due baristi – aggiunge -. Speriamo di non dover ridurre ulteriormente”. All’interno sono stati dimezzati i tavolini e messo il plexiglas per le sedute a due posti. C’erano anche proposte per il pranzo “ma non c’è stata richiesta”.