Home Capsule Alla Silea il...

Alla Silea il Premio Nespresso per il progetto di riciclo delle capsule in alluminio

Il momento della premiazione

VALMADRERA (Lecco) — Alla Silea il Premio Nespresso Positive Cup per il primo progetto nazionale di raccolta sperimentale delle capsule di caffè in alluminio con il semplice conferimento delle stesse nel sacco viola dei rifiuti riciclabili. La Silea è l’azienda di riferimento della Provincia di Lecco incaricata alla gestione del ciclo integrato dei rifiuti.

“Questo nuovo prestigioso riconoscimento conferma, una volta di più, il valore di Silea e il posizionamento di eccellenza a cui la nostra Società si colloca nel settore della raccolta differenziata dei rifiuti a livello nazionale”.

Così il presidente di Silea SpA, Mauro Colombo, reduce dal convegno ”Ecoforum” promosso a Roma da Legambiente, commenta il conferimento alla società di riferimento per il ciclo integrato dei rifiuti della provincia di Lecco del Premio “Nespresso Positive Cup”.

LA SPAZIALE
HOST

Un riconoscimento che premia Silea per il suo fondamentale contributo. Che c’è stato sin nell’avvio, a partire dall’aprile 2017, del primo progetto nazionale di raccolta sperimentale delle capsule di caffè in alluminio. Con il semplice conferimento delle stesse nel sacco viola dei rifiuti riciclabili.

Aumentare la percentuale di rifiuti riciclati

Continua Colombo: “Siamo ovviamente orgogliosi di questo premio. A fronte di una sperimentazione innovativa che solo un’Azienda come la nostra può fare. Grazie a impianti specifici dedicati al trattamento dei rifiuti. E con un personale provvisto di un patrimonio di competenze evoluto e strutturata per coprire tutte le fasi del ciclo integrato. Senza trascurare l’elevato grado di flessibilità operativa.”

Che ha aggiunto: “Su questa stessa strada intendiamo proseguire anche nel prossimo futuro. Disponibili a sperimentare con associazioni e consorzi di filiera nuove selezioni di materiali. Che ci permettano di far crescere la percentuale di rifiuti riciclati. Contribuendo, come è nella nostra mission di società pubblica, a migliorare la qualità dell’ambiente in cui viviamo”.