Home Cultura A Sanremo, do...

A Sanremo, dove le note aromatiche dell’espresso diventano musica italiana

Alla vigilia della 70esima edizione del Festival della canzone italiana, il Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale, che sta promuovendo la candidatura dell’espresso a Patrimonio Immateriale dell’Unesco, ha deciso di mettere in fila alcuni dei brani più belli e famosi nei quali compare la bevanda nazionale per eccellenza.

le luci di sanremo musica all'ariston
Luci e musica per arricchire il palcoscenico dell'Ariston

MILANO – Se si escludono il cuore e l’amore, sul palco dell’Ariston c’è un protagonista assoluto: il caffè. Da Lucio Battisti a Vasco Rossi. Da Fred Bongusto a Fiorella Mannoia. La lista di grandi nomi della musica italiana che hanno scelto di rendere omaggio alla bevanda più amata nel Belpaese, sfruttando le luci di Sanremo, è ben nutrita. E non poteva essere altrimenti, visto che l’espresso, essendo parte integrante della società italiana, è uno straordinario espediente narrativo per chi vuole mettere in
musica le umane vicende che si sviluppano lungo lo stivale.

Musica, caffè, cultura italiana all’Ariston

Alla vigilia della 70esima edizione del Festival della canzone italiana, il Consorzio di Tutela
del Caffè Espresso Italiano Tradizionale, che sta promuovendo la candidatura
dell’espresso a patrimonio immateriale dell’Unesco, ha deciso di mettere in fila alcuni
dei brani più belli e famosi nei quali compare la bevanda nazionale per eccellenza.

Il primo a portare il caffè a Sanremo è Fred Bongusto nel 1967, Spaghetti a Detroit:

“Spaghetti, pollo, insalatina e una tazzina di caffè, a malapena riesco a mandar giù”. Cristallizzata nel lato B di un 45 giri, su di un gradevole ritmo swing. Da quel momento in
poi, il testimone passa ai cantanti di musica “leggera” come Riccardo del Turco che nel
1969 si domanda Cosa hai messo nel caffè: “… Ma cosa hai messo nel caffè che ho
bevuto su da te? C’è qualche cosa di diverso adesso in me”.

Un’edizione, quella del 1969, ad alto tasso di caffeina, visto che anche Lucio Battisti in
Anna si lascia coccolare appena alzato: “…la mattina c’è chi mi prepara il caffè”.

Chi invece ammazza il tempo “bevendo caffè nero bollente” è Fiorella Mannoia che nel
1981 scrive un testo estremamente audace per l’epoca: un vero e proprio inno al
separatismo femminile.

Ancora musica per i coffeelvoer

Tre anni più tardi è la volta di Alberto Camerini, che tenta di conquistare il pubblico dell’Ariston con la sua Bottega di caffè: “Di primo mattino scaldiamo il motore beviamo insieme il caffè”. Nella seconda metà degli anni 80, il caffè fa il suo debutto rock e lo fa con il re indiscusso del genere.

È il 1985 e Vasco porta a Sanremo Tofee, musa ispiratrice che sa come conquistare un uomo: “Hai già preparato il caffè…saresti proprio una brava moglie…eh”.

Nel 1988 si invertono i ruoli e il caffè diventa la ciliegina sulla torta per una Gianna
Nannini che, in Un ragazzo come te, dimostra di aver ben chiare le proprie priorità: “Un
ragazzo che mi svegli la mattina con due baci caldi più del caffè”.

Passano gli anni, ma la passione per l’espresso non accenna a scomparire né dalla società italiana né dai testi delle canzoni

Fino al 2003 quando Alex Britti decide di esagerare e si concede non uno, ma 7000 caffè per restare sveglio alla guida. “L’odore del caffè” torna a farsi prepotentemente sentire anche dalle parti dell’Ariston nel 2019. Merito di Francesco Renga che, se al Festival decide di cantare Aspetto che torni, appena finita la kermesse lancia il secondo singolo del nuovo album di inediti: “vorrei trovarti ogni notte / mentre il mondo qui dorme / quando mi manca una parte di te / e la mattina quando mi alzo / e c’è solo l’odore del caffè”.

E quest’anno? Quale musica suonerà?

Le aspettative non verranno tradite e ancora una volta sarà grazie a Gianna Nannini, ospite d’onore della serata di venerdì 7 febbraio, che porterà sul palco un medley del suo ultimo album La Differenza. A cominciare dal primo singolo pubblicato, Motivo: “E mi cerchi, mi cerchi ancora / Mi inviti a prendere un caffè / Mi manca un po’ il respiro / Ci sarà un motivo”.

“Il fatto che il caffè espresso sia protagonista di così tante canzoni famose è ancora una
volta testimonianza del valore “sociale” di una bevanda che è assoluta protagonista della
vita quotidiana degli italiani – sottolinea Giorgio Caballini di Sassoferrato, Presidente del
Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale. – È proprio grazie a questa
consapevolezza del grande valore aggiunto socio-culturale del caffè espresso italiano che
abbiamo deciso di intraprendere il lungo cammino per ottenere il riconoscimento di
patrimonio immateriale dell’umanità da parte dell’Unesco”.

Il Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale nasce il 15 settembre 2014 a Treviso

Con l’obiettivo di promuovere, valorizzare e tutelare il Caffè Espresso Italiano Tradizionale presso gli operatori del settore e presso i consumatori. Possono entrare a far parte del Consorzio le imprese e gli enti del settore del caffè: Quali torrefattori, produttori di caffè e di macchine per il caffè e di altre attrezzature inerenti alla produzione o erogazione del caffè che condividano lo scopo consortile ed abbiano la sede e la produzione in Italia.

Il Consorzio è composto da imprese del settore sparse nel territorio nazionale, e da alcuni enti che sostengono con convinzione questo progetto, tra gli altri il Gruppo italiano torrefattori (socio costituente) e la Federazione italiana pubblici esercizi. Dal 2015 ad oggi il Consorzio è impegnato anche nell’ottenimento della candidatura all’Unesco per il riconoscimento di Patrimonio Immateriale dell’Umanità del Caffè Espresso Italiano Tradizionale.

Per ulteriori informazioni www.espressoitalianotradizionale.it