Home Salute e caffè Allarme in un...

Allarme in uno studio di Uni Foggia: «Gli adolescenti assumono troppa caffeina»

Da quanto emerge da una ricerca effettuata dall'Università di Foggia, gli adolescenti d'Italia bevono troppo caffè. Si dovrebbe sensibilizzare verso un'alimentazione più equilibrata

adolescenti
Uno studio dell'Università di Foggia valuta il consumo di caffeina tra gli adolescenti

ROMA – Ebbene sì. Tre adolescenti italiani su quattro (76%) assumono caffeina quotidianamente. Mentre quasi la metà (46%) supera i limiti massimi raccomandati dall’American Academy of Pediatrics.

Adolescenti italiani a rischio

A lanciare l’allarme è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Foggia. Questa, ha fatto compilare alcuni questionari anonimi a un campione di teen agers. I risultati sono stati pubblicati su ‘Acta Paediatrica’.

L’indagine

Sono stati coinvolti 1.213 adolescenti, dai 12 ai 19 anni, di quattro scuole del sud Italia. Un campione dunque non rappresentativo dell’intera realtà italiana. Ma non per questo meno rilevante. I risultati emersi delineano infatti un quadro preoccupante.

I risultati

Il caffè è risultato la bevanda con caffeina più frequentemente consumata. Nonché la prima causa dell’assunzione giornaliera di questa sostanza eccitante. Seguono poi bibite analcoliche ed ‘energy drink’.

I ricercatori hanno anche sottolineato che l’eccesso di caffeina può essere pericoloso per gli adolescenti. In quanto causa nervosismo, agitazione, disturbi del sonno e ipertensione.

Sensibilizzare i giovani

“Questi risultati potrebbero essere utilizzati per una campagna di sensibilizzazione, che si concentri principalmente sulla riduzione del consumo di caffeina tra gli adolescenti”. Ha detto l’autore senior dello studio Angelo Campanozzi, dell’Università di Foggia.

“Poiché le abitudini alimentari si sviluppano durante l’infanzia e l’adolescenza, l’educazione per mantenere basso l’apporto di caffeina durante l’adolescenza è fondamentale. – ha concluso – Così da ridurre le cattive abitudini future in età adulta”.