Home Bar Caffetteria Ofelè Caffè &...

Ofelè Caffè &Coccole, in zona Navigli il rito del caffè si fa intimo

ofelè

MILANO – Ofelè Caffè &Coccole è innanzitutto il sogno di Stefania Teretti che diventa realtà nella bakery di via Savona 2, vicino ai Navigli. A 38 anni, la titolare con la passione per il viaggio, ha deciso quindi di mettersi a servizio di tutti i clienti che hanno voglia di coccole e relax. Una pausa dallo stress quotidiano sia a colazione che a pranzo. Come all’ora della merenda oppure per il brunch. Raccontiamo questa storia grazie all’articolo scritto da Alessandro Luongo per nuvola.corriere.it.

Ofelè nasce da un percorso formativo e professionale lungo

Stefania Teretti è un’imprenditrice nata e cresciuta a Milano. Prima ha studiato anche lingue e letterature straniere alla Cattolica. Dopo essersi poi diplomata al liceo scientifico, Stefania vive un anno e mezzo a Londra.

Poi torna e porta a termine il corso di studi. <<Ho sempre amato viaggiare, e mettermi alla prova affrontando città e luoghi in solitaria. Non ho mai avuto paura della solitudine; anche se questa mi ha fatto versare negli anni un sacco di lacrime>> esordisce.

WEGA
MAZZER

Dopo le difficoltà iniziali nell’orientamento della facoltà (passando anche per biologia), s’iscrive a lingue appunto. Ma prima inizia a lavorare, grazie alla mamma, in uno showroom di abbigliamento come vestiarista.

Il lavoro non era esaltante

Però permetteva a una ragazza di venti anni di stare in un ambiente che fino a quel momento non si era mai sognata di frequentare. <<In più la moda pagava molto bene. Proprio per la quantità di ore lavorative al giorno; e quindi nell’arco di una campagna vendita (tre mesi) riuscii a mettere da parte un bel gruzzolo>>.

Da vestiarista è così promossa assistente alle vendite, e viaggia a Parigi come a New York; ma a un certo punto decide

<<di fare un altro salto nel vuoto>> . Prova così con la televisione, come producer. E fa parte del team della prima edizione di Xfactor, il noto talent show. <<Esperienza esaltante, affascinante ma al contempo maligna. A tratti malsana>>. Ritorna allora a occuparsi di eventi per un’agenzia.

Di nuovo è in giro per il mondo: in Cina, Indonesia, Singapore; Nepal, e tanti altri posti ancora

<<Ogni volta andavo alla ricerca del caffè accogliente, più intimo. Non turistico e freddo, quello fatto per i locals. Dove si guarda alla sostanza dei rapporti>>. Si doleva, dunque, che a Milano mancassero, a suo avviso, posti del genere. <<Dove pur occupando un tavolo gli altri non sanno nulla di te. – spiega. – E sei solo uno che prende un caffè per un po’ di tempo, perché questo è stato il nostro mondo. Quello delle caffetterie/ristorazioni fino a qualche tempo fa>>.

Stefania inizia a pensare seriamente di aprire una location del genere insieme con il fidanzato

Una bakery considerata come una cucina di casa o casa stessa, un posto intimo dove rilassarsi, lavorare o parlare con qualcuno. Così sonda le sue capacità di sfornare dolci che fa degustare ad amici e colleghi. Al contempo porta avanti con soddisfazione il lavoro di producer free lance. Ma la svolta è vicina.

E si prepara ad accoglierla. Come? Con una pausa dal lavoro di un mese per ottenere la licenza per la somministrazione di cibi e bevande. <<Per un lavoro, un giorno mi ritrovo in via Savona 1, all’interno di un negozio di abbigliamento. La proprietaria mi parla di un negozio sfitto proprio di fronte. Il giorno dopo chiamai l’agenzia, e dopo sette mesi, il 7 aprile 2014, inaugurai Ofelè (che in dialetto milanese sta per pasticcere)>>.

E questa è stata finora la scelta più bella fatta dall’imprenditrice meneghina

Stefania Teretti

Che si è lanciata del tutto nei suoi pancakes, nell’incertezza totale. <<Da Ofelè mi sono occupata di tutto. Ma da quando ci siamo allargati, è aumentata anche la mole di lavoro e dunque il numero di collaboratori>>.

Novità in vista?

<<Stiamo trasformando il vecchio negozio in laboratorio per catering, e anche uno spazio dove tenere corsi di cucina e work shop. Diciamo che stiamo mettendo le basi perché possano arrivare nuovi progetti e nuove opportunità>>.