Home Notizie Interviste Ilaria, 17 an...

Ilaria, 17 anni, è la maestra dell’espresso junior che racconta meglio il caffè

Ilaria Greco, vincitrice del premio speciale delle giuria delle giornaliste, con il direttore di Comunicaffè e Comunicaffè International Angela Vicentini
Ilaria Greco, vincitrice del premio speciale delle giuria delle giornaliste, con il direttore di Comunicaffè e Comunicaffè International Angela Vicentini

TRIESTE – Al termine del concorso Maestri dell’espresso junior 2018 la giuria delle giornaliste ha indicato Ilaria Messina dell’Istituto alberghiero Pietro Piazza di Palermo come la vincitrice dello speciale premio giuria riservato al barista che sa comunicare meglio sia il prpprio lavoro sia il caffè che serve al cliente.

Ilaria Messina, 17 anni, di Palermo

“Studio per specializzarmi nel settore bar di sala e vendita. Il mio sogno più grande, è quello di aprire un mio locale. Lo chiamerò Bar dei sogni, perché appunto è questo per me.

Dopodiché, non tralascerò la formazione. Continuerò infatti a specializzarmi professionalmente, così da poter trasmettere la mia passione agli altri. Magari diventando io stessa formatrice. La mia è una passione che viene dalla scuola e dai professori. ”

La sua vittoria, come migliore barista nella comunicazione. È più brava con le tazzine o nel dialogo?

“Mi reputo una ragazza piuttosto socievole. Sono convinta che questa professione si debba vivere con il cuore. Se c’è questo alla base, allora si crea qualcosa di unico.”

Parla salvatore Greco il docente che segue Ilaria da 2 anni

“Seguo Ilaria da due anni, e voglio ringraziare i ragazzi come lei, che ci permettono di partepipare a queste manifestazioni.”

Come ci si sente ad essere l’insegnante di una ragazza che raggiunge un traguardo di questo tipo?

“Io farei un discorso che va al di là della classifica. Non si parla strettamente del primo o del secondo posto. Ci sentiamo orgogliosi, come corpo docenti e come partecipanti, di questi ragazzi. Loro ci stanno dando l’opportunità di essere presenti qui oggi. Noi non esistiamo, senza di loro.”