Home Bar Caffetteria I fratelli Al...

I fratelli Alajmo aprono a Milano: per la colazione, i caffè di Gianni Frasi

fratelli alajamo
I due fratelli Alajamo e Philippe Starck

MILANO – Finalmente anche il capoluogo lombardo potrà contare sull’apertura del primo locale dei fratelli Alajmo. Massimiliano – chef pluristellato e Raffaele  – amministratore delegato del gruppo Alajmo. Un’impresa che può vantare al suo attivo,  altri 10 locali in Italia, di cui uno a Parigi. Raggiungendo un fatturato annuale che resta attorno ai 14 milioni di euro. La forza congiunta di questi due fratelli ha portato all’inaugurazione mercoledì 10 aprile, del primo Amor di Milano, con un focus particolare sul mondo della pizza.

Fratelli Alajmo debuttano a Milano

E’ ormai il loro undicesimo locale, ambientato in una location davvero suggestiva: uno spazio multiplo che esprime ai massimi livelli il concept di Amor, grazie all’intervento creativo del famoso designer francese Philippe Starck. Il quale è rimasto talmente coinvolto da questa inaugurazione, dall’esser divenuto socio di Massimiliano e Raffaele.

Non solo pizza: da Amor è previsto un menù per ogni momento della giornata

A partire proprio dalla colazione, sino a chiudere con il dopo cena. Per il pasto più importante della giornata, ovviamente non poteva mancare la classica brioche all’italiana, con olio evo al posto del burro. Senza però strizzare l’occhio alla cultura francese, con la proposta di croissant salati.

FRANKE
Water + more

Ad accompagnare l’offerta del food, il caffè di qualità

Una scelta accurata e coerente rispetto agli altri locali aperti lungo lo stivale. Anche per Milano infatti, si conferma il sodalizio tra questo marchio e la storica Torrefazione Giamaica. Luogo collegato in maniera particolare al nome di un imprenditore che ha segnato la storia del settore caffè italiano, e purtroppo recentemente scomparso: Gianni Frasi. I suoi caffè da sempre accompagnano i diversi punti del Gruppo.

Apertura quindi con la tazzina tostata a regola d’arte, dalle 8, sino alla chiusura delle 22, O, nel fine settimana, a mezzanotte.