Home Senza Categoria Per i pubblic...

Per i pubblici esercizi nelle zone interessate: così la Gazzetta contro la diffusione del virus

fipe gazzetta ufficiale
I provvedimenti ufficiali per i pubblici esercizi sono stati pubblicati sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana

MILANO – Vista la situazione di emergenza che si è venuta a creare con la diffusione del Coronavirus (Covid-19) si invitano tutti i Pubblici Esercizi ad attenersi alle indicazioni diramate dalle autorità competenti attraverso la Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana. La Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Fipe, e gli uffici territoriali sono costantemente in contatto con le Istituzioni al fine di presidiare l’evoluzione della situazione.

Fipe: si invitano le imprese a contattare gli uffici territoriali di competenza

Comuni allo stato interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio indicati nel Dpcm.

Nella Regione Lombardia:

a. Bertonico
b. Casalpusterlengo
c. Castelgerundo
d. Castiglione D’Adda
e. Codogno
f. Fombio
g. Maleo
h. San Fiorano
i. Somaglia
j. Terranova dei passerini

Nella Regione Veneto:

a. Vò

Trovate di seguito un riepilogo dei provvedimenti emanati nei giorni scorsi, a livello nazionale e a livello regionale, per fronteggiare la diffusione del Covid-19 (c.d. Coronavirus):

Nazionale Decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6 – Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. (Provvedimento)

Ministero della salute, ordinanza 21 febbraio 2020 – Ulteriori misure profilattiche contro la diffusione della malattia infettiva Covid-19. (Provvedimento)

Presidenza del consiglio dei ministri dipartimento della protezione civile, ordinanza 13 febbraio 2020 – Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. (Provvedimento).

Regionale

Decreto per la zona rossa lombarda (Provvedimento)
Ordinanza Lombardia (zona gialla) (Provvedimento)
Ordinanza Veneto (Provvedimento)
Ordinanza Emilia Romagna (Provvedimento)
Ordinanza Friuli Venezia Giulia (Provvedimento)
Ordinanza Piemonte (Provvedimento)
Ordinanza Liguria (Provvedimento)
Ordinanza provincia Autonoma di Bolzano (Provvedimento)
Ordinanza provincia Autonoma di Trento (Provvedimento)
Ordinanza Basilicata (Provvedimento)

Faq: Chiarimenti relativi all’applicazione dell’Ordinanza del Ministero della Salute di intesa con il Presidente di Regione Lombardia del 23 febbraio 2020

fipe Ecco come è fatto il Coronavirus visto al microscopio elettronico
Ecco come è fatto il Coronavirus visto al microscopio elettronico

L’ordinanza che regola le prescrizioni per il contenimento del Coronovirus nelle aree regionali classificate come ‘gialle’ (ovvero per tutto il territorio regionale eccetto la zona cosiddetta rossa) si pone l’obiettivo di trovare un equilibrio fra l’esigenza di mantenere attivi i servizi di pubblica utilità, garantendo al contempo le condizioni di sicurezza per i cittadini e degli operatori.

Ogni amministrazione quindi, nella propria autonomia, deve valutare:

– la differibilità dei servizi offerti;

– le situazioni di contesto specifiche che permettano di mantenere le condizioni di sicurezza previste dal Decreto Legge n. 6 del 23.02.2020.

I Comuni e gli uffici pubblici sono aperti?

Le istituzioni (Comuni, Catasto, Inps, Inail, Caf; Poste, Camere di Commercio… etc) e i relativi uffici sono aperti al pubblico rispettando le norme di igiene adottate dal Ministero della Salute.

Come si devono comportare i comuni rispetto ai mercati rionali all’aperto?

Per i mercati rionali e comunali all’aperto sono previste le restrizioni indicate per i centri commerciali. Pertanto, i mercati comunali sono aperti dal lunedì al venerdì. Restano chiusi il sabato e la domenica ad eccezione dei commercianti che esercitano la vendita di generi alimentari. Il sindaco consapevole che ci possono essere casi in cui si favoriscono assembramenti a rischio, può valutare ulteriori restrizioni a livello territoriale.

Manifestazioni fieristiche, sagre e fiere possono essere regolarmente svolte?

Per le manifestazioni fieristiche, le sagre e le fiere ed ogni evento che preveda assembramento di persone si dispone la chiusura.

I consigli e le giunte comunali possono svolgersi regolarmente?

Si, si possono svolgere Giunte e Consigli Comunali (questi ultimi purché a porte chiuse) favorendo canali di comunicazione differiti quali ad esempio le dirette streaming. E’ comunque fatta salva la facoltà del sindaco di disporre diversamente.

Che restrizioni devono adottare gli esercizi commerciali che svolgono più tipologie di attività nella stessa sede?

I gestori di esercizi commerciali che prevedono al proprio interno più attività (ad esempio hotel con bar, ristorante con bar, locali da ballo con ristorante etc…) devono seguire le regole previste per le singole attività commerciali ovvero, bar, locali notturni e qualsiasi altro esercizio di intrattenimento aperto al pubblico sono chiusi tutti i giorni dalla ore 18 alle ore 6. E’ fatta eccezione per i bar all’interno di hotel che restano comunque aperti per garantire il servizio ai soli ospiti della struttura. Altresì i bar dei ristoranti restano attivi per il solo servizio di supporto alla ristorazione.

In linea generale si invitano i gestori delle attività commerciali a mettere in atto tutte le misure necessarie per evitare nei propri locali gli assembramenti a rischio.

Ci sono delle restrizioni per i ristoranti?

Per lo svolgimento delle attività dei ristoranti non sono previste restrizioni fino ad eventuali nuove disposizioni. I gestori sono comunque invitati a mettere in atto tutte le misure necessarie per evitare nei propri locali gli assembramenti a rischio.

Ulteriori restrizioni possono essere valutate dai singoli sindaci per quei mercati che possono favorire elevate concentrazioni o assembramenti di persone.

Le case di riposo restano aperte a visite di parenti stretti?

Si, le case di riposo restano aperte. I parenti dei pazienti ricoverati attenersi alla regola di accesso alla struttura in numero non superiore ad 1 visitatore per paziente. Tale accesso è consentito unicamente nella fascia oraria del pranzo e della cena per i parenti di pazienti ricoverati.

Il sindaco può chiudere il pronto soccorso dei presidi territoriali?

L’autorità preposta alla gestione dei Pronto Soccorso territoriali è l’Assessorato al Welfare di Regione Lombardia.

Cosa è previsto per le attività ludico-sportive?

Tutti gli eventi e le riunioni e le attività ludico sportive in base all’ordinanza lettera C “la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico” sono da ritenersi sospese (si intendono fra questi anche palestre, centri sportive, piscine e centri natatori, centri benessere, i centri termali, campi di allenamento). Si conferma inoltre che le attività di centri culturali, centri sociali, circoli ricreativi, restano chiuse.

Cosa è previsto per le cerimonie civili e religiose?

Per le cerimonie religiose, i matrimoni civili, le unioni civili non rinviabili è previsto lo svolgimento in forma privata e con un numero di invitati limitato o con la presenza di parenti stretti.

Per quanto riguarda le cerimonie funebri devono svolgersi in forma privata e con un numero di invitati limitato o con la presenza di parenti stretti.

Le scuole si intendono chiuse anche per il personale amministrativo e tecnico?

Si.

Quali sono gli istituti e i luoghi della cultura di cui a’art.101 del codice dei beni culturali e del paesaggio?

All’interno di questa categoria sono ricompresi anche i musei, le biblioteche, gli archivi, le aree e i parchi archeologici, i complessi monumentali. Sono inoltre compresi i parchi divertimento.