lunedì 27 Settembre 2021

Bialetti, nuovo piano industriale: previsti ricavi a 166,9 milioni nel 2024

Milano Finanza: Il nuovo progetto industriale punta all'espansione nel mercato del caffè in Paesi ad alto potenziale come Usa, Germania, Francia, Cina, Russia, Canada e altre nazioni dell'Europa centrale e occidentale

Da leggere

MILANO – Acque agitate quelle in cui naviga ultimamente l’impresa del gruppo Bialetti, che come tanti è stato colpito duramente dal Covid: debiti ancora pendenti, decide di svoltare verso lidi più sereni con un piano industriale rinnovato e un accordo di ristrutturazione. Risultato? Il titolo in borsa vola alto: leggiamo i dettagli di queste manovre da Milano Finanza, nell’articolo di Alessandro Benedetti.

Bialetti si rialza in piedi

Apre così l’articolo su Milano Finanza: A causa dell’epidemia da Covid il gruppo Bialetti non è riuscito a far fronte agli obblighi di pagamento previsti dalla manovra varata nel 2019 e in particolare dall’accordo di ristrutturazione del debito con le banche omologato ex articolo 182-bis della legge fallimentare e da un prestito obbligazionario da 35,8 milioni di euro concesso a suo tempo.

Per scongiurare scenari peggiori, l’azienda presieduta da Francesco Ranzoni ha deciso di rimettere mano al piano industriale e all’accordo di ristrutturazione. Una decisione che, forte del via libera alla manovra incassato del ceto creditore, ha messo le ali al titolo dell’azienda che ieri a piazza Affari ha chiuso gli scambi con un apprezzamento del 16,67% a 0,308 euro.

Milano Finanza: Il nuovo progetto industriale punta all’espansione nel mercato del caffè in Paesi ad alto potenziale come Usa, Germania, Francia, Cina, Russia, Canada e altre nazioni dell’Europa centrale e occidentale

Nel contempo verranno razionalizzati e ridotti i punti vendita e l’azienda si farà carico di nuovi investimenti per valorizzare il marchio «Bialetti» all’estero e sul mercato digitale. Entrando nel dettaglio dei numeri prospettivi, nel piano è ipotizzata una crescita dei ricavi dai 153,7 milioni stimati per quest’ anno a 166,9 milioni nel 2024. L’ebitda è visto a sua volta in progressione dai 17,2 milioni del 2021 a 24,2 milioni del 2024. L’utile si ridurrà invece da 6,9 milioni del 2021 a 2,5 milioni nel 2024. L’indebitamento finanziario subirà una sensibile sforbiciata, riducendosi a 71,6 milioni dagli attuali 88,7.

Bialetit: un particolare focus è stato poi riservato a una nuova manovra finanziaria

Attraverso cui il gruppo bresciano punta a ristrutturare l’indebitamento finanziario, rafforzare la situazione patrimoniale di Bialetti Industrie e iniettare nuove risorse finanziarie. Si punterà a risanare un’esposizione di circa 64 milioni di debiti chirografari, soluzione che prevede tra l’altro la remissione da parte di Illimity e Amco di circa 20 milioni di crediti.

È poi prevista la conversione in strumenti finanziari partecipativi equity del 14% dei crediti vantati nei confronti da Illimity per 5 milioni e da Amco per 3 milioni, per una conversione complessiva di circa 8 milioni e la possibile conversione in altri strumenti partecipativi dei crediti vantati da Moka Bean la cui conversione sarà necessaria per preservare un patrimonio netto non inferiore a 3,5 milioni. Sono infine previsti la dismissione di alcuni asset e la definizione di un patto parasociale che dovrà tenere conto dei nuovi equilibri.

Ultime Notizie